Italy France

Storia

I nuovi articoli

Archivio articoli

août 2017
L M M J V S D
« Déc    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Per giornalisti vigliacchi

-Che cosa fa l'elefante quando è pizzicato da un moscerino? Si gratta!
(Giuseppe Saragat)
-Fatto certo e indubitato è che chi lotta con la merda resterà sempre lordato sia che vinca, sia che perda. (Martin Lutero)

foto gallery

Archivi

Link per voi

La situazione in Italia

Ai miei amici italiani, ieri sera, ho inviato questo messaggio:

Ciao ….,

Vedo che in Italia tutto procede perfettamente. Buona notizia la fine di Berlusconi (voi sapete che poteva non esserci mai stato se mi avessero ascoltato nel 1993). Resta che la politica non la fanno più i politici (ammesso che in Parlamento ce ne sia ancora qualcuno), ma i mercati e le aziende di notazione (per ottenere qualche A in più come i frigoriferi). Per quanto riguarda la povera gente nessun problema: un altro burocrate, che ha studiato in America e che guadagna più di 50.000 Euro al mese se ne occuperà.

Buona notte Roberto

Penso che il messaggio valga anche per tutti i miei appassionati lettori del blog e quindi lo pubblico con l’aggiunta di alcune riflessioni.

Quando mai i giornali hanno parlato ogni giorno della Borsa in prima pagina? Ridicolo. La Borsa vola, la Borsa scende. Chi se ne frega. La gente normale non investe in azioni.  Un presidente del consiglio definiva il mercato dei valori, un « covo di ladri »! Aveva perfettamente ragione. Una domanda ai gentili lettori: per quanto tempo ancora avete intenzione di ascoltare banchieri falliti, burocrati in pensione e vecchie rincitrullite? Non è arrivato il momento di occuparsi del « popolo »? Non è arrivato il momento di zittire tutti i traders, gli economisti, i fiscalisti, i tecnocrati, i direttori, i vice direttori, i presidenti ecc.

Tre A due B: penso che tutti siano impazziti. Un guazzabuglio di fighetti americani che giudicano il Paese di Matteotti e di Gramsci. Che andassero tutti al diavolo. Torniamo ai vecchi sistemi, alla nostra moneta, alle nostre regioni, ai nostri dialetti.

Penso che non ci sia altro da dire.

Commenti

Commento da Elisa
Inserito: 5 décembre 2011, 15:39

Mi piacerebbe lasciare un segno su questo blog…un segno come testimonianza di una figlia che vuole ricordare a tutti che oltre ad essere quello che

Scrivi un commento





 
0,136 s